Serengeti mese per mese – Guida per visitare il parco più famoso d’Africa

Il Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania è uno dei parchi nazionali più famosi del pianeta. E non è difficile capirne le motivazioni.
Il Serengeti non smette mai di stupire i visitatori con le sue splendide pianure infinite, la vegetazione unica e l’abbondanza di magnifici animali selvatici. Non c’è da stupirsi che anno dopo anno questo parco nazionale rimanga uno dei migliori da visitare per chiunque voglia vivere l’esperienza di un safari africano. 

Prima di prenotare il tour probabilmente vuoi sapere che animali potresti effettivamente vedere durante il safari ed su che zona del parco concentrarti.
Il travel designer safari ti aiuterà a capire quale itinerario sia meglio seguire, perchè la giusta scelta dipende in buona parte dal mese in cui viaggerai.
Esiste un mese migliore per visitare il Serengeti?

Puoi effettivamente visitare il Serengeti durante tutto l’anno, ma visto che si tratta di un vasto ecosistema che copre un’area di 15,000 chilometri quadrati, quando e dove andare di solito dipende dai tuoi interessi personali.
Vuoi assistere ai famosi attraversamenti fluviali della migrazione degli gnu? Allora dovrai dirigerti verso la parte settentrionale del Serengeti tra Luglio e Settembre.
Vuoi arrivare in un momento in cui ci sono meno folle e beneficiare di sconti speciali? Allora Aprile o Maggio sono i mesi giusti, ma tien in mente che potrebbe piovere molto.
Vuoi assistere ai parti e vedere i cuccioli di gnu e zebre venire al mondo? Allora dovrai concentrarti su Ndutu tra Gennaio e Febbraio
Segue quindi un calendario mese per mese che potrà a aiutarti a pianificare il tuo viaggio nello splendido parco Nazionale del Serengeti in Tanzania!

Questa guida si basa unicamente su quanto accaduto in Tanzania negli ultimi anni. Il comportamento degli animali dipende in grande parte dalle piogge e quindi anche i loro spostamenti possono variare di anni in anno (in base a siccità o molta acqua).
Nessuno degli eventi menzionati è garantito per il mese indicato proprio perchè tutto dipende da eventi naturali difficili da predire. 

GENNAIO E FEBBRAIO

Questi mesi segnano l’inizio della stagione verde della Tanzania. Le pianure ondulate del Serengeti presentano una splendida tonalità di verde con livelli minimi di polvere e buone opportunità di osservazione della fauna selvatica, in particolare intorno alle pianure di Ndutu nel sud del Serengeti. Questo periodo è eccellente anche per le attività di birdwatching poiché il parco pullula di uccelli migratori. A gennaio e febbraio, la famosa Grande Migrazione è di solito concentrata in gran numero sulla pianura del Serengeti ed è anche il momento in cui molti animali iniziano a partorire, con fortuna vedrai quindi i primi cuccioli della nuova generazione! 

MARZO ED APRILE
I mesi di Marzo e Aprile segnano la fine della stagione verde ed, Aprile in particolare, l’inizio della bassa stagione (che include anche Maggio).  Il tempo è generalmente accettabile anche se sono da tenere in considerazione possibili rovesci che potrebbero avere un impatto sul game drive. Marzo rimane uno dei periodi migliori per “scappare” ed esplorare gli angoli remoti del Parco Nazionale del Serengeti.
Da fine Aprile alla seconda metà di Maggio, le piogge tendono ad frequenti.
I campeggi ed i campi tendati non sono così affollati e fare safari costa un pò meno.
Lo scenario è verde e fiorito, anche se l’osservazione della fauna selvatica potrebbe essere limitata a causa delle piogge che rendono alcuni percorsi impraticabili.
Se sei nel parco per seguire la Grande Migrazione, tuttavia, probabilmente troverai le mandrie nelle regioni centrali e occidentali del parco. 

GIUGNO, LUGLIO ED AGOSTO
Giugno segna l’inizio della stagione secca e l’alta stagione turistica.
È anche l’inizio della stagione migratoria verso il nord del Serengeti. Nonostante si sia ufficialmente nella stagione secca potrebbero esserci occasionali piogge pomeridiane o serali, spesse volte più un gradito sollievo che un problema per lo svolgimento del safari. Luglio vede l’inizio della Grande Migrazione dirigersi a nord verso il fiume Mara, per i drammatici attraversamenti del fiume (più probabili durante Agosto) per poi raggiungere la riserva del Masai Mara in Kenya.  

grande migrazione

SETTEMBRE ED OTTOBRE
A Settembre, potrai ancora vedere gli gnu, le zebre e le gazzelle nella zona settentrionale del Serengeti. Le famose traversate del fiume lungo il fiume Mara sono ancora visibili durante questo periodo poiché le mandrie migratrici viaggiano in grandi quantità. In altre parti del parco, le opportunità di osservazione della fauna selvatica sono altrettanto buone in quanto gli animali tendono a radunarsi attorno alle limtate fonti d’acqua. A ottobre, le pianure sono asciutte e l’erba è corta, ma verso la fine del mese si comincia a percepire il cambiamento climatico, la stagione delle piogge si avvicina e anche l’odore dell’aria comincia a cambiare.

NOVEMBRE E DICEMBRE
Questo periodo è caratterizzato da brevi piogge che rinfrescano l’aria e lavano via la polvere dalla stagione secca. I game drive sono ancora molto buoni nonostante le piogge, poiché questi rovesci di solito non durano molto.
Queste piogge portano pascoli freschi a sud del Serengeti e segnalano il ritorno della migrazione. Lo scenario comincia a diventare verde e il ciclo della vita si prepara a ricominciare!  A Gennaio cominciano ad arrivare i primi cuccioli! 

Viaggia In Tanzania!

Contattaci per avere maggiori dettagli su viaggi privati e su misura in Tanzania! Discuti le tue esigenze con il travel designer e comincia a pianificare la tua prossima avventura!

Viaggia In Tanzania!

Contattaci per avere maggiori dettagli su viaggi privati e su misura in Tanzania! Discuti le tue esigenze con il travel designer e comincia a pianificare la tua prossima avventura!

Giulia Raciti

Esperta di viaggi in Latino America ed Africa, viaggia dal 2011 zaino in spalla alla scoperta di destinazioni meno battute. Specializzata in safari in Tanzania, viaggi su misura alle Galapagos, Patagonia Argentina e viaggi tribali in Etiopia. Le sue grandi passioni!